riflessioni

Elena Paparelli: Stereotipi di genere nei libri per bambini – proposte

[Continua da qui]

Quali le contromisure agli stereotipi di genere? A livello pedagogico le strade da percorrere possono essere varie. Un utile esercizio, per esempio, è la re-invenzione di fiabe antiche (quelle che, per dirla con Bruno Bettelheim, assicurano una «pedagogia della riuscita», dove l’eroe alla fine vince sempre), in un intreccio fra dimensione reale e dimensione fantastica, che può costituire una buona palestra ideativa e spiazzante, tale da stimolare i piccoli e non farli riposare sugli stereotipi più tranquillizzanti, mettendoli viceversa in gioco secondo formule narrative non troppo prevedibili e codificate.Smile-for-the-Camera-disney-princess

D’altra parte, negli ultimi trent’anni, gli esempi di narrazioni riuscite non mancano e vari sono stati i libri per bambini e ragazzi che hanno remato decisamente contro il sessismo in maniera intelligente. Fra gli apripista, vanno certamente annoverati per dovere di cronaca quelli scritti da Bianca Pitzorno come L’incredibile storia di Lavinia (E. ELLE, 1985), Extraterrestre alla pari (La Sorgente, 1979), o La bambina col falcone (Mondadori, 1982). Mentre sul fronte  della saggistica il famoso libro Dalla parte delle bambine di Elena Gianini Belotti (Feltrinelli, 1973) ha messo sul tavolo in maniera puntuale l’interrogativo su quanto le fiabe siano state effettivamente veicolo di valori maschilisti. Più di trenta anni dopo, Loredana Lipperini  ha ripreso le fila del discorso e nel suo Ancora dalla parte delle bambine (Feltrinelli, 2007) ha proposto una indagine aggiornata sui modelli delle moderne bambine, aprendo il campo a nuovi spunti di riflessione. C’è anche chi ha guardato con un occhio decisamente benevolo alla fiabe. Come Angela Carter, che nel suo Le fiabe delle donne (1996, ristampa Mondadori, 2009) ha reso omaggio a un tipo di donna alternativa attraverso la raccolta di ben cinquantotto fiabe di tutto il mondo, tutt’altro che “classiche”.

Pitzorno incredibile-storia-di-lavin_1 Pitrzorno extraterrestre Pitzorno bambina falcone Gianini dalla parte bambine Lipperini Ancora dalla parte bambine Carter Fiabe donne

Il tema, comunque sia, era e resta delicato. Per questo, l’ironia può certo venire in soccorso a tutti quegli educatori che troppo spesso, magari anche soltanto per abitudine più che propriamente per convinzione, cadono nelle trappole di schematismi ingombranti e anacronistici, che soffocano l’inventiva e la spontaneità dei piccoli individui che, loro malgrado, crescono.

A questo proposito, due episodi molto divertenti della sitcom Friends (trasmessa in prima visione negli Stati Uniti da NBC dal 1994 al 2004) possono risultare piuttosto salutari. Nel primo troviamo il papà trentenne Ross alle prese con un babysitter-uomo che ha la pecca di essere dotato di una spiccata sensibilità, e per questo viene da lui giudicato troppo pericoloso per l’educazione “equilibrata” della figlioletta: in un curioso ribaltamento di ruoli, da datore di lavoro intenzionato a licenziare lo scomodo dipendente (mai pensato al fatto che la governante richiama subito alla mente la donna che accudisce ai bambini e alla casa mentre il governante a chi amministra il potere?) Ross finirà per abbandonarsi, pungolato da quest’ultimo, ad una intima confidenza sulla sua infanzia incompresa; il secondo episodio vede ancora Ross preoccupato di far giocare suo figlio Ben con Big Jim e non con Barbie. Salvo poi ricordare, provocato dalla sorella e con suo intimo imbarazzo, quale sia stato uno dei suoi giochi infantili preferiti. Scoprite voi un po’ quale.

Elena Paparelli

Advertisements

2 thoughts on “Elena Paparelli: Stereotipi di genere nei libri per bambini – proposte

  1. Pensavo di mettere il vostro logo sul nostro sito con il vostro link per dar modo ai nostri visitatori di conoscere il vostro blog. Cosa ne pensi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...