ricorrenze

Giornata della memoria

Ci sono letture che si ascoltano da bambini e non si dimenticano più. Le favole, per esempio – storie brevi che parlano di animali, domestici o selvatici, animali che nella maggior parte dei casi fanno cose sleali, ingiuste, cattive. Ogni finale è una morale da non dimenticare. Da ricordare anche da grandi.

Le favole sono antichissime. Cominciano (convenzionalmente) con Esopo e Fedro, due schiavi rimessi in libertà per il loro talento, proseguono per secoli attraverso la penna e la matita di centinaia di autori, e a un certo punto arrivano ad Art Spiegelman. Che negli anni ’80 pubblica Maus, una storia di animali realmente accaduta. Da non dimenticare.

Giornata della memoria Maus 1

La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, Giorno della Memoria, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. [L211/00]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...